.
Annunci online

homo quisque faber ipse fortunae suae
cercare lavoro
7 ottobre 2007
..sono in vendita!!

E’ da qualche giorno che ho iniziato ad esplorare il mondo del lavoro dal lato della rete.. insomma le possibilità sono esasperate all’n-sima potenza, siti che si occupano di collocamento, banche date piene zeppe di dati, incredibili richieste di personale provenienti da tutte le parti.

Ma poi realmente questi contatti ci sono??

..intanto mi sono collocato, ora starò a vedere cosa succede!





permalink | inviato da pieroblog il 7/10/2007 alle 20:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
sentimenti
12 agosto 2007
sfide

Troppe volte ho scritto, detto, pensato, della mia volontà di spiegare le ali, di staccare con il presente, di rompere il “cordone ombelicale”; troppe poche volte mi sono riuscito a dare risposte concrete e soprattutto troppe volte sono fuggito dalla realtà.. forse non ne sono del tutto capace!
Togliamoci anche il “forse” e ne rimane che non sono capace di rompere con le relazioni.
Ora però che “per scelta di altri”, condizionata dal contesto, sono stato messo davanti ad un bivio obbligato, riesco a percepire un certo stato di agitazione positiva.. una sorta di battaglia interiore di corpuscoli adrenalinici, una sorta di rabbiosa energia che aspetta solo di essere convertita.
Oggi posso dire che le “sfide” mi eccitano, tra meno di un mese.. entrerò in sfida anch’io!!





permalink | inviato da pieroblog il 12/8/2007 alle 8:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
LAVORO
1 agosto 2007
riordino di idee

Ne è passato del tempo da quel giorno, eppure se tornassi indietro farei esattamente le stesse cose!
Ho imparato, mi sono incazzato, ho fallito, ho gioito, sono stato qui a farti da scudo dalle più disparate ingiurie, per non parlare delle cose che ti sono arrivate ma filtrate nella sostanza; tanta gente si è alternata, ma io sono rimasto. Tutto mi sarei aspettato, tranne che avresti preso la palla al balzo su mia confidenza!
Magari sarà stato un tuo modo per dirmi tra le righe “va’, perché non sono più in grado di..”, magari le tue motivazioni sono diverse dalle mie, magari queste mie sono solo delle stupidaggini emotive, eppure immaginavo che sarebbe stato diverso.
______________

Il sipario non è chiuso, ma tra una scena e l’altra, l’artista sta mettendo a posto le sue cose..





permalink | inviato da pieroblog il 1/8/2007 alle 13:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sentimenti
31 agosto 2006
..saluti e baci!!

Che settimana.. troppi saluti tutti insieme, iniziano a crearmi qualche problema!!

In genere soffro, ma riesco cmq a trovarne una ragione.. oggi non riesco!!

Ad Agosto ’98 fu lui che mi scovò nei registri della Camera di Commercio, a Settembre dello stesso anno mi fece il primo colloquio, e poi ancora un altro, ed infine a Novembre disse che facevo al caso loro.. Esperienza zero, eppure seppe riconoscere in me delle qualità che neanche io sapevo di avere!!

All’arrivo in sede stamattina, mi ha detto che era il suo ultimo giorno di lavoro.. non ci credevo, non ci credo, sono andato via perché mi è venuto meno un punto di riferimento!!

Ancora un altro.. e che palle!!




permalink | inviato da il 31/8/2006 alle 16:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
LAVORO
5 agosto 2006
..una botta di autostima, non fa mai male!!

"L' autostima è un fiore che va annaffiato ogni giorno", ha osservato con saggezza Willy Pasini. Così è, infatti, basta semplicemente entrare in contatto con se stessi, cioè osservarsi senza giudicarsi, come insegnano i grandi maestri orientali, per accorgersi che quella strana paroletta così carica di suggestioni, "autostima",fa riferimento a qualcosa di molto concreto che richiede tempi adeguati di sviluppo e di maturazione.

L' autostima è sempre legata alla dinamica di crescita della personalità, a quel processo complesso ed affascinante che Jung definiva "individuazione", vale a dire sano riferimento al proprio Sé. Ma questo è appunto un percorso, nessuno nasce con il corredo di individuazione e di autostima già pronto ed incartato; ogni fase della vita richiede un training, un lavoro personale per giungere ad un livello maturo e stabile di autostima.

Il primo punto da cogliere interessa la differenza tra una deriva narcistica e la vera e propria autostima. Il narcisismo è, nella concreta realtà dell' individuo, una modalità espressiva e relazionale del tutto autoreferenziale, un codice comunicativo incapace di guardare all' alterità come ricchezza e come investimento libidico. Il narcisista non è uno che "non" vede l' altro, ma uno che "vede male" se stesso e, dunque, la realtà che lo circonda, l' investimento libidico, per dirla con Freud, "nutre" esclusivamente l' Ego a detrimento di qualsiasi altro meccanismo percettivo-relazionale. L' esito distorsivo ultimo del narcisismo può essere il delirio ed anche la paranoia potrebbe aggiungersi e complicare un eventuale quadro clinico. A questo livello non si può parlare in alcun modo di autostima, perché quest' ultima va a toccare i gangli vitali dell' io esattamente al punto di congiunzione delle relazioni primarie e fondamentali: la relazione con se stesso e, di conseguenza, la relazione con gli altri. Ci troviamo, dunque, nella sfera della massima concretezza: le relazioni primarie. Non è neppure lontanamente concepibile una realtà concreta come l' autostima, talvolta ridotta ad una formula spettacolare o ad uno slogan pubblicitario, che definisce l' oggettiva tenuta dell' assetto relazionale dell' io e la sanità del nesso io-tu. Stimare se stessi significa, in primo luogo, amarsi, ma guardando alla ricchezza della sfera relazionale. Partire da un io maturo e consapevole rilancia una responsabilità specifica nei confronti degli altri e fa sì che l' individualità si faccia realmente personalità. L' individualità è sempre personale, cioè relazionale in senso stretto.

L' autostima, così, lungi dall' essere una realtà metafisica o un passepartout per motivatori evergreen, si colloca nell' ambito dell' esperienza umana e solidamente concreta dell' individuazione. Questo ambito connota una realtà che deve costantemente essere nutrita ed alimentata. Questo è il fiore, il meraviglioso fiore che va annaffiato ogni giorno.

L' autostima è un' esperienza e fare un' esperienza, in termini di psicodinamica, significa accorgersi di crescere. Significa, in primo luogo, accorgersi di vivere ed agire nel presente grazie alla propria unicità , che non ammette confronti di nessun genere, poiché essere unici significa essere "incomparabili" nel senso letterale: io sono e tanto basta !.

L' esito più affascinante e fecondo del percorso di realizzazione dell' autostima è proprio la scoperta e la ri-scoperta della propria assoluta unicità, la quale spinge la persona ad essere protagonista in modo creativo ed originale. Dall' essere unici si snoda una linea che conduce all' azione efficace ed alla "conquista" di uno mondo vitale originale.

Il "fare" si declina sempre sulla base dell' "essere" e l' Essere è una realtà ben più estesa dell' io e delle sue funzioni operative, riguarda la duplice connessione consapevolezza-esistenza. La persona dotata di autostima autentica può definirsi persona consapevole e forse è giunto il tempo di gettare alle ortiche la paroletta magica "autostima" e di parlare soltanto di "consapevolezza".

Perché non cominciare subito, in questo istante?.

 

autore: Raffaele Iannuzzi




permalink | inviato da il 5/8/2006 alle 20:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
LAVORO
16 gennaio 2006
Executive Gls

Mai vi ho parlato del mio lavoro e forse ora è arrivato il momento!
Io mi occupo del settore commerciale della sede della mia provincia e la società è il Corriere Espresso Executive.
Mercoledì saremo tutti a Milano, per una giornata di lavori e a conclusione della stessa, ci porteranno a vedere Milan-Ascoli.. perché sponsor istituzionale del Milan!
Secondo voi per un tifoso di fede laziale, è concepibile una cosa del genere!? Sicuramente no, ma mi tocca!!!
Qualcuno di Milano che mi vuol salvare?




permalink | inviato da il 16/1/2006 alle 16:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
28 gennaio 2005
maledetto venditore!

sono un venditore di professione oltre che studente di SdC e in questo mio post precedente vi raccontavo di un acquisto fatto su ebay. beh è stata la più grande bufala della vita mia!

mi sono ritrovato un telefono che parla solo il tedesco e la non possibilità di iscriverlo ad un corso accellerato di italiano...

ma è mai possibile che quando mi trovo davanti ad un possibile cliente, finisco sempre per spiegargli le clausole una per una e gli altri se ne infischiano!? cazzo ma in germania, esiste il buon senso?

anche se sono stato alquanto ingenuo, vi consiglio di leggere sempre quanto riportato nelle condizioni generali di vendita... riservano sempre un sacco di sorprese!

ciao, io.




permalink | inviato da il 28/1/2005 alle 21:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
11 gennaio 2005
Acquisto su Ebay

oggi ho fatto un acquisto su ebay da un venditore tedesco... chi sa cosa ne verrà fuori! ho provato a scrivere in inglese e speriamo che questa fantastica lingua ci salvi, altrimenti sono in un casino... è una cosa nuova che non ho mai fatto, eccitante... decisamente!!!


ciao pierre




permalink | inviato da il 11/1/2005 alle 16:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
4 dicembre 2004
Test a risposta multipla

Dalle stelle alle stalle,

questo per via di un malefico test a risposta multipla che mi ha penalizzato, non poco, nell'esito finale di un esame.

Un medoto sicuramente efficace per giudicare una quantità enorme di studenti in un tempo relativamente breve, ma che lascia molte perplessità.

Commento finale: "devo studiare di più"




permalink | inviato da il 4/12/2004 alle 20:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
30 novembre 2004
Alzarsi alle 6,30!!!
Cavolo che mazzata!!!
Un appuntamento alle 7,00 credo che sia la peggiore cosa che possa mai capitare...
La concentrazione sotto zero!

Avanti con il prossimo...



permalink | inviato da il 30/11/2004 alle 9:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
30 novembre 2004
Stipendio!
Quanto può essere gratificante prendere lo stipendio?
Io credo molto, io sono molto gratificato perchè l'ho preso oggi...

Ciao Ciao



permalink | inviato da il 30/11/2004 alle 0:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

 

piero747@hotmail.com

colafrancesco@email.it


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

io

agosto 2004


settembre 2006

agosto 2007

luglio 2010

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

il mio volontariato



La nostra Sottosezione


11 febbraio 2000


gennaio 2006

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

le mie origini



Arce (FR)

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Ode alla Vita 

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza, per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità.

Pablo Neruda

*****

La vostra gioia è il vostro dolore senza maschera, e il pozzo da cui scaturisce il vostro riso, è stato sovente riempito dalle vostre lacrime.
Quanto più a fondo vi scava il dolore, tanta più gioia potrete contenere.
quando siete gioiosi, guardate nella profondità del vostro cuore e scoprirete che è proprio ciò che ieri vi ha fatto penare a darvi gioia, e quando siete tristi, guardate ancora nel vostro cuore e vedrete che state in realtà piangendo per quello che ieri vi ha dato godimento.

Khalil Gibran

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Il mio libro preferito

Un aviatore e' costretto da un'avaria ad atterrare in pieno deserto: 
sabbia, solitudine, e sopra il suo capo le stelle... 

Ma, ad un tratto, una voce: "Mi disegni, per favore, una pecora?" ...

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

DISCLAIMER
Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha, comunque, carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001. L'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. I commenti anonimi saranno cancellati. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne le rimozione.